Robert Reich

American workers are now flexing their muscles for the first time in decades.

You might say workers have declared a national general strike until they get better pay and improved working conditions.

No one calls it a general strike. But in its own disorganized way it’s related to the organized strikes breaking out across the land – Hollywood TV and film crews, John Deere workers, Alabama coal miners, Nabisco workers, Kellogg workers, nurses in California, healthcare workers in Buffalo.

https://www.theguardian.com/commentisfree/2021/oct/13/american-workers-general-strike-robert-reich

Joseph E. Stiglitz

.. a key part of the answer is a deep misinterpretation, especially among the right, of individual liberty. Those who refuse to wear masks or socially distance often argue that requirements to do so infringe on their freedom. But one person’s freedom is another person’s “unfreedom.” If their refusal to wear a mask or get vaccinated results in others getting COVID-19, their behavior is denying others the more fundamental right to life itself. The essence of the matter is that there are large externalities: In a pandemic, one person’s actions affect the well-being of others. And whenever there are such externalities, the well-being of society requires collective action: regulations to restrict socially harmful behavior and to promote socially beneficial behavior.

https://www.project-syndicate.org/commentary/covid19-spike-in-us-reflects-misunderstanding-of-liberty-by-joseph-e-stiglitz-2021-09?

Bernardino Fantini |Professore onorario di storia della medicina e della sanità – Università di Ginevra

La vaccinazione è il più “eroico” dei rimedi sanitari, l’atto medico più celebre, un simbolo della tecnologia medica. Accanto al gesto che cura, presente sin dall’antichità in sculture, bassorilievi e vasi, si associa a partire dalla fine del Settecento, con la prima vaccinazione contro il vaiolo realizzata da Edward Jenner, il gesto che previene, che crea uno scudo protettivo della salute individuale e collettiva contro il vaiolo, la malattia all’epoca più temuta ma che diverrà poi anche la prima malattia grave ad essere eliminata, eradicata, con uno sforzo cosciente e globale di politica sanitaria internazionale basato sulla copertura vaccinale di intere popolazioni. La storia dei vaccini è relativamente breve, coprendo poco più di due secoli, dalla fine del Settecento a oggi, ma è estremamente densa di innovazioni scientifiche e tecnologiche, di  controversie intorno alle politiche vaccinali e di impatti profondi sulla vita delle persone e delle collettività. In questa breve storia si possono distinguere cinque periodi che si sono cronologicamente succeduti : 

1. Un periodo che si può chiamare di ‘preistoria’ della vaccinazione, con i tentativi anche antichi ma localizzati nel tempo e nel spazio di immunizzare i bambini con tecniche basate sul trasferimento di materia purulenta, in particolare la ‘variolizzazione’ per immunizzare contro il vaiolo.

2. La scoperta della vaccinazione jenneriana e la sua diffusione, con i primi programmi di vaccinazione obbligatoria, prima di determinati gruppi, poi di intere popolazioni. 

3. La rivoluzione pastoriana, le origini della microbiologia e dell’igiene scientifica, da cui deriva l’origine della ‘vaccinologia’, che sul modello del vaccino espande all’insieme delle malattie infettive l’idea di immunizzazione. Questo allargamento degli obiettivi vaccinali si accompagna allo sviluppo di movimenti contrari alla vaccinazione, in particolare obbligatoria.

4. Il primi decenni del Novecento, una vera ‘età aurea’ della vaccinologia, con la scoperta di nuovi vaccini, che insieme agli antibiotici e ai metodi di terapia intensiva, sono considerati come una delle tecnologie di punta e più efficaci, capaci di debellare per sempre la maggior parte delle malattie epidemiche. Da qui nasce una sorta di “illusione tecnologica”, la speranza che grazie allo sviluppo delle tecniche mediche sarebbe stato possibile disfarsi delle malattie infettive.

5. Il periodo fra la fine del XX e il nuovo millennio, caratterizzato dall’emergenza di molte nuove malattie infettive (‘malattie emergenti’, a partire dall’AIDS), dallo sviluppo di nuovi vaccini, ma anche da  una forte ripresa delle posizioni negative nei confronti della vaccinazione.

Jeffrey P. Clemens, Associate Professor, UC San Diego

A thread

The US effort to suppress opium production in Afghanistan is an issue in which I’ve long taken an interest. It was the topic of my undergraduate thesis, which was later published in the Journal of Law and Economics. It also generated a follow-on project.

My first paper on the US effort to discourage Afghan farmers from cultivating opium poppy focused on the most basic question: can it work? The answer was a likely “no” for reasons that relate to the basics of supply and demand.

Policies to discourage poppy cultivation (promoting other crops or eradicating the poppy crop) involve efforts to shift the supply curve. But basic data on input costs, crop yields, and eradication efforts reveal that the plausible shifts in the supply curve were modest.

The impact of a shift in the supply curve on the quantity produced depends on the slope of the demand curve. Here, data indicate that the elasticity of demand (specifically, from traffickers for the opium they collect from farmers) will be quite low.

Why would the elasticity of demand from traffickers be low? Two reasons: First, retail demand elasticities are modest. But second, and more importantly, the price at Afghan farms turns out to account for a very modest share of traffickers’ total costs.

The cost of getting opiates to retail markets largely involve the risks of trafficking itself. Consequently, demand for opium from Afghan farmers, which is a crucial input in the chain, is highly inelastic: Large changes in price have modest effects on the quantity demanded.

Together, these basic economic factors imply that the effect of efforts to suppress poppy cultivation would be primarily to increase prices paid to farmers rather than reduce production. And indeed, this has been borne out over the long haul.

As documented in a recent report by the UN’s Office on Drugs and Crime, Afghan poppy cultivation has if anything drifted gradually upward since the US first ramped up its expenditures on the effort to suppress opium production (roughly in 2005):

For my full paper on this first set of issues (published in the Journal of Law and Economics), see the link below: https://www.journals.uchicago.edu/doi/10.1086/589673

Unfortunately, it gets worse. Not only did total opium production fail to decline, but it shifted (predictably) towards the regions of the country the government was struggling to control.

The effort to suppress opium production was premised in part on the idea that the drug trade was funding the insurgency. While there’s a sense in which this is true, the suppression policy quite severely aggravated the problem.

As shown in the figure below, US expenditure on efforts to suppress poppy cultivation escalated substantially during the mid-2000s. This was met with a shift in poppy cultivation towards areas in which the Taliban has long exerted its greatest influence.

The shift in poppy cultivation can most effectively be seen using maps: BEFORE the increase in anti-opium expenditures, poppy cultivation was quite prevalent in districts around the country. Afterwards, however, cultivation consolidated in Taliban-intensive areas.

So the US set out to reduce the Taliban’s ability to profit from the drug trade. But in effect, the US eliminated competition from government-friendly regions of the country, which INCREASED the Taliban’s ability to profit from the drug trade. A disaster.

I published some of these main ideas as a paper in the 2013 AEA Papers & Proceedings: https://www.aeaweb.org/articles?id=10.1257/aer.103.3.523

Some of the figures from earlier in the thread can be found in an expanded working paper, which is available here: https://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=2201172

The outcome observed in Afghanistan can be generalized to many contexts in which a government lacks the capacity to follow through on policies of prohibition. The most successful suppliers of prohibited goods and services will tend to be “the bad guys.” (like Al Capone)

Long-run outcomes as they relate to the production of opium in Afghanistan are depressing in part because they were predictable. At the same time, this is a useful case study in the power of basic economics to shed light on difficult problems.

It is deeply disappointing, however, that such an ineffective and outright counterproductive policy towards Afghan opium production was sustained for such an extended period of time.

Recensione scritta da Giorgio Rodano, Sapienza Università di Roma

Sono tante le cose di questo libro di Bellofiore su cui mi sono trovato in accordo e ce ne sono invece parecchie (di più? di meno?) su cui mi sono trovato in disaccordo. Di alcune ho parlato nelle pagine precedenti. Di altre non ho detto per motivi di spazio, così come, per gli stessi motivi, non ho trattato di molti argomenti del libro che meritavano di essere illustrati e discussi. Per esempio non ho detto praticamente nulla sulla questione della liberazione dal lavoro, cui Bellofiore contrappone, sulla scia del Marx dei Grundrisse, quella della liberazione del lavoro, una questione intricata, che occupa uno spazio importante (quantitativo e qualitativo) del libro. Così pure non ho dedicato lo spazio che avrebbe meritato al tema dell’origine filosofica (che si trova in Locke) del “postulato” che anima tutta la ricerca di Bellofiore, ossia che la fonte del valore è il lavoro, un’idea con cui talvolta sembra civettare lo stesso Keynes (cfr. p. 338). Ma sono contento di aver letto il libro. Nonostante la fatica che comporta il confronto con tematiche complesse e spesso ardue, si esce dalla sua lettura diversi da come ci si è entrati. Riccardo Bellofiore ha scritto un libro ricco di spunti di riflessione, alcuni discutibili ma sempre stimolanti. Un libro che fa pensare, e di questo lo ringrazio.

https://rosa.uniroma1.it/rosa04/moneta_e_credito/article/view/17521/16721

Ci sono filosofi che non sopportano la dialettica, si sa.

C’è un virus che continua a circolare dopo aver provocato (a fine luglio 2021) 128.000 morti in Italia e più di 4 milioni di morti nel mondo.

C’è all’incirca la metà della popolazione italiana adulta completamente vaccinata.

C’è un provvedimento del governo[1] che, all’art. 3, consente l’accesso ad alcuni servizi e attività (debitamente elencati) esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi COVID-19, di cui al successivo articolo 9, comma 2. Nel decreto si precisa, come è ovvio, che le disposizioni non si applicano ai soggetti esclusi per età dalla campagna vaccinale e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della salute.

Discriminazione, cittadini di serie B?

La Cina?

Il passaporto interno in Unione Sovietica?

Gergo fascista?

Simbolo politico-religioso?

Ma, per piacere. Caldo, piuttosto, stanchezza, e narcisismo a volontà.

I vaccini che vengono somministrati alle persone non sono affatto in fase sperimentale; ne è stato autorizzato l’uso in emergenza, che è tutta un’altra cosa.

Per quanto riguarda gli USA, la Food and Drug Administration chiarisce[2] per filo e per segno di che cosa si tratta: un’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) è un meccanismo per facilitare la disponibilità e l’uso di contromisure mediche, compresi i vaccini, durante le emergenze di salute pubblica, come l’attuale pandemia di COVID-19. In base a un EUA, la FDA può consentire l’uso di prodotti medici non approvati o l’uso non approvato di prodotti medici approvati in caso di emergenza per diagnosticare, trattare o prevenire malattie o condizioni gravi o pericolose per la vita quando sono stati soddisfatti determinati criteri di legge, incluso il fatto che non esistono alternative adeguate, approvate e disponibili. Prendendo in considerazione l’input della FDA, i produttori decidono se e quando presentare una richiesta EUA alla FDA. Una volta presentata, la FDA valuterà una richiesta EUA e determinerà se i criteri di legge pertinenti sono soddisfatti, tenendo conto della totalità delle prove scientifiche sul vaccino a disposizione della FDA.

L’Unione Europea ugualmente informa i cittadini[3] sulle procedure di approvazione di farmaci e vaccini, e persino Big Pharma, dal canto suo, lo fa[4]

Ci sono dunque discriminazioni reali contro cui combattere a proposito del COVID? Certo, come ricorda Donatella Di Cesare[5]: “La grande lotta oggi è quella per chiedere i vaccini per i senzatetto, gli immigrati, quelli che non hanno protezione e soprattutto per i paesi poveri, dove solo ancora l’uno per cento della popolazione è vaccinata. Qui è la discriminazione: tra chi ha avuto il privilegio del vaccino e chi è ancora esposto. Su questo diritto al vaccino per gli altri è tempo di mobilitarsi.”


[1] DECRETO-LEGGE 23 luglio 2021, n. 105

[2] https://www.fda.gov/vaccines-blood-biologics/vaccines/emergency-use-authorization-vaccines-explained

[3] https://www.vaccination-info.eu/en/vaccine-facts/approval-vaccines-european-union

[4] https://www.pfizer.com/news/press-release/press-release-detail/pfizer-and-biontech-receive-authorization-european-union

[5] https://espresso.repubblica.it/opinioni/2021/07/27/news/di_cesare_risponde_a_cacciari_e_agamben_sul_green_pass-311928702/

Una discussione con Luca Ferretti, Ricercatore Senior in statistica genetica e dinamica dei patogeni presso il Big Data Institute dell’Università di Oxford (UK) e Giorgio Gilestro, Biotecnologo medico e Neurobiologo, Senior Lecturer all’Imperial College London sulla variante Delta (perché cambia tutto, sempre cambi tutto?); i dati UK ci aiutano o ci distraggono?; il pass sanitario.

Fabrizio Chiodo – Glyco-Scientist, Research Assistant Professor at the Italian National Research Council (CNR), Invited Lecturer at Havana University f.chiodo@amsterdamumc.nl

It was already an extraordinary result (62% efficacy) with two doses of Soberana02 (RBD-TT conjugate), due to the complex epidemiological situation in Havana (beta dominant). Now with the boost of SoberanaPlus (RBD-dimer) efficacy is 91.2%…!!!

It is not a race, but Cuba has now an important Public, RBD-based vaccine, showing high efficacy also with different variants circulating during the phase-3 trial. Compared to the “others” studied in South Africa for example, Soberana is an extraordinary achievement.

The design of an RBD-based vaccine was correct, the concept of conjugate-vaccine as well and the boost with the RBD-dimer to keep “high” the polyclonal antibodies (and not only) was a successful strategy.

“Poor”, under “blockade”, Cuba has two Public RBD-based vaccines (Soberana and Abdala), that showed high efficacy (phase-3) and a great safety profile.

Thanks @FinlayInstituto for these months of pure emotions: “Y siempre luchando y trabajando por mas, y mas!!!” Here the rational design: https://pubs.acs.org/doi/10.1021/acscentsci.1c00216 Here the pre-clinical results: https://pubs.acs.org/doi/10.1021/acschembio.1c00272

https://ilmanifesto.it/arriva-soberana-plus-il-vaccino-cubano-efficace-al-91/